Favorire la creatività – con Stefania Olmi, pedagogista

L’immaginazione è fondamentale per un bambino, perché gli permette di utilizzare e sviluppare tutte le sue capacità creative e intellettive, oltre che di divertirsi con la fantasia, naturalmente. Come è possibile, attraverso il gioco, stimolare nel modo giusto questa abilità?

Ci sono tanti giochi, ci dice Vanessa l’educatrice, che stimolano la fantasia: ad esempio ci sono i giochi con i personaggi in cui ai bambini è proposta una situazione e poi sta a loro creare la storia: come la fattoria degli animali, o la casa delle bambole o le marionette. E più i bambini crescono più arricchiscono il loro immaginario. Ecco cosa ne pensa la Dott.ssa Olmi…

Continua

A come Accessori – con Valentina Iacchia, ostetrica naturopata

Passeggini, culle e fasciatoi sono le prime cose che vengono in mente quando le mamme pensano a quello che servirà per prendersi cura adeguatamente del proprio piccolo. Ma ci sono due accessori un po’ differenti che sono molto consigliati nei primissimi mesi di vita: sono il marsupio e la fascia. Li avete mai provati? Ce ne parla la Dott.ssa Valentina Iacchia, ostetrica e naturopata…

Continua

Cheese-cake morbida al bicchiere

Crescendo, i bimbi si porteranno dietro tutte le abitudini alimentari che stiamo trasmettendo loro nei primi mille giorni di vita: è importantissimo dunque che siano quelle più salutari. Ma una dieta equilibrata prevede anche movimento: la nostra pediatra, la Dott.ssa Scaglioni, consiglia per questo di lasciare a casa il passeggino il prima possibile e camminare tanto con i piccoli (che farà bene anche alle mamme!), e niente tv prima dei 2 anni! E adesso passiamo a cose piacevoli: la ricetta di oggi è un baby-dessert assolutamente goloso che si prepara in 5 minuti: i vostri piccoli impazziranno, parola di GiroGiroBimbo ;-)

Continua

Stimolazione multisensoriale – con Stefania Olmi, pedagogista

Suoni, musica e colori sono tra i primi stimoli in grado di catturare l’attenzione del nostro bambino e aiutarlo a sviluppare le sue capacità psico-fisiche fin dai primi mesi. Possiamo farlo usando il gioco giusto?
In effetti è importante, ci dice l’educatrice Vanessa, che i giocattoli siano “attraenti” per i bimbi, che abbiano tanti colori, funzioni, suoni che sono una calamita per i piccoli. Tra l’altro, nello specifico i tasti sonori sono una vera risorsa perché stimolano l’orecchio e dunque la capacità di imparare a parlare, anche in altre lingue. A proposito di questo, seguiamo l’intervento della Dott.ssa Olmi…

Continua

A come Asilo – con Rachele Macchi Cassia, pedagogista

Come si sceglie l’asilo giusto per i nostri figli? La domanda sembra semplice ma non lo è affatto, ancora di più da quando nella cronaca hanno cominciato ad emergere episodi agghiaccianti di cui non vorremmo mai che il nostro piccolo fosse protagonista! Ecco dunque un aiuto prezioso: la pedagogista Rachele Macchi Cassia ci suggerisce che cosa mamma e papà devono guardare per poter valutare l’ambiente e la struttura quando vanno a visitare un asilo per la prima volta…

Continua

Dinosauri vegetariani

Per un corretto sviluppo delle ossa, è importante per i bimbi assumere il calcio sin dai primi mille giorni: la nostra pediatra, la Dott.ssa Scaglioni, ci ricorda che il nostro piccolo può assumere questa sostanza grazie a 1-2 porzioni di latte e yogurt al giorno e 1-2 porzioni di formaggio alla settimana. E oggi Chiara Maci, esperta di cucina, ci propone proprio una pappa che ha tra i suoi ingredienti il formaggio: una pastasciutta con olio al basilico, melanzana e formaggino. Una delizia che andrebbe bene anche per mamma e papà!

Continua

I viaggi di Stojan

L’attività di restituzione al pubblico dei risultati dei progetti sostenuti da Mediafriends costituisce un indispensabile momento di chiarezza e trasparenza; la visione diretta dei progetti è inoltre uno strumento necessario per valutare l’efficacia dell’utilizzo dei fondi donati dal pubblico. L’incontro con Anna e Fabio Stojan, viaggiatori e motociclisti, ci ha consentito di realizzare questo compito. Anna e Fabio hanno compiuto un viaggio in moto durato 5 mesi in Asia, nel corso del quale hanno avuto modo di visitare e filmare 7 progetti finanziati da Mediafriends.

Continua

L’apprendimento dinamico – con Stefania Olmi, pedagogista

Secondo la pedagogia contemporanea, l’intelligenza non è una questione genetica, ma è invece legata all’apprendimento. Ma allora nel concreto, mamma e papà che tipo di giochi possono offrire ai bambini per “insegnargli” ad essere più intelligenti?
Una risposta può essere quella di coinvolgere i bimbi in un apprendimento cosiddetto “dinamico”. Cosa significa esattamente ce lo spiega la nostra esperta, la Dott.ssa Olmi, pedagogista.

Continua

B come Baby sitter – Con Francesca Santarelli, psicologa

Le mamme si trovano spesso di fronte ad una scelta obbligata, soprattutto se la loro famiglia d’origine abita molto lontano da loro: devono affidarsi ad un sostegno, un aiuto per il loro piccolo, insomma: una baby sitter. E la questione non è affatto semplice! Quale sarà la persona giusta? E come impostare al meglio il rapporto con lei o lui? L’abbiamo chiesto alla Dott.ssa Francesca Santarelli, psicologa e psicoterapeuta, che ci ha chiarito molto bene le basi per questo rapporto così delicato: prima di tutto, via i sensi di colpa! E poi…

Continua

Vellutata di verdurine con bastoncini croccanti

Quanta pappa devo dare al mio piccolo? Questa domanda spesso si presenta nella mente delle neomamma ma la risposta in realtà è molto semplice: la Dott.ssa Scaglioni, la nostra pediatra, ci ricorda infatti di far riferimento alla curva di crescita: se la curva di crescita rilevata dal pediatra è regolare, significa che l’alimentazione procede in modo corretto per lo sviluppo del bimbo, e non necessita di forzature. Pressioni in questo senso possono influenzare il rapporto con il cibo ed è importante che questo non avvenga perché proprio nei primi mille giorni il piccolo sta imparando a regolare il suo apporto di nutrienti attraverso la sensazione di fame e la sensazione di sazietà. E ora ecco la ricetta di oggi, che di sicuro colpirà il pupo per il suo insolito e divertente colore, viola rapa!

Continua

CBM Italia – Missioni Cristiane per i Ciechi nel Mondo

CBM Italia è un’Organizzazione non governativa nata per sconfiggere le forme evitabili di cecità e di disabilità fisica nei Paesi in via di Sviluppo, senza distinzione di razza, sesso e religione. L’associazione sostiene programmi e progetti di prevenzione e cura; sensibilizza l’opinione pubblica sulle condizioni di vita delle persone cieche e disabili e coinvolge la comunità nazionale e internazionale nella lotta a queste malattie altamente invalidanti. CBM Italia è membro di CBM International, organizzazione attiva dal 1908. Dal 1989 è riconosciuta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità nella prevenzione e cura della cecità, e come partner nella lotta alla cecità e alla sordità.

Continua

L’interazione – con Stefania Olmi, pedagogista

Una cosa che noi adulti non dovremmo mai dimenticare è che per i bambini il gioco è una cosa serissima. E sì, perché è proprio giocando che comincia e si stimola fin dai primi mesi lo sviluppo, l’apprendimento e quindi le abilità cognitive. Durante i primi tre anni, che tipo di gioco e quali stimoli dobbiamo offrirgli?

L’educatrice Vanessa ci segnala che anche i giochi semplicissimi sono utili e nello stesso tempo impegnativi per il nostro bambino. Immaginiamo ad esempio il gioco di lanciarsi la palla: coinvolge tutti i sensi del bambino e impone una grande coordinazione. Per questo è importante incoraggiarlo a superare i suoi limiti e fare il tifo quando ci riesce.

E ora la pedagogista Olmi ci spiega le varie fasi del gioco nei primi anni d’età…

Continua

E come Educare – con Rachele Macchi Cassia, pedagogista

“Insomma, questa casa non è un albergo!” Ok ok, forse il vostro cucciolo non è ancora così grande da sentirsi dire questa frase classica, ma anche ora che è piccolo, a volte queste parole possono venirci alle labbra! Soprattutto quando il piccolo fissa delle “sue” regole, guardacaso ben diverse da quelle di mamma e papà… Ma come possiamo educare al meglio il nostro bimbo, allora? Ed è il caso di insistere o dobbiamo lasciarlo libero di fare ciò che vuole? Abbiamo girato questa domanda alla Dott.ssa Macchi Cassia, che ci ha spiegato che…

Continua

Budino di tapioca buonissimo

Al compimento del primo anno di età, ci ricorda la Dott.ssa Scaglioni, pediatra esperta in nutrizione, il bimbo riesce ad afferrare il cibo, portarlo alla bocca o bere da una tazza con due manici. E si tratta di una fase delicata, non tanto per lui quanto per le mamme, che assistono a questi primi maldestri tentativi di mangiare da soli con risultati disastrosi per la cucina, i capelli, i vestiti, il seggiolone…! Abbiamo dunque la tentazione di intervenire, per evitare il peggio, vero?? Invece dobbiamo… resistere, resistere, resistere ;-) al nostro impulso e lasciare che il nostro piccolo casinista faccia i suoi disastri anche se dovesse sporcarsi da capo a piedi: lo sapevate? Eggià, perché questa sperimentazione con il cibo per lui è molto importante: non solo gli serve per migliorare la coordinazione ma anche per dargli autostima per i suoi successi: per esempio quando la pappa finisce, tanto per cambiare, in bocca!

Continua

L’apprendimento linguistico – con Stefania Olmi, pedagogista

Il linguaggio non si impara solo con l’udito, ma con tutti i sensi. Ecco perché bisogna incoraggiare fin dai primi anni il bambino a fare delle azioni e collegarle a dei risultati sperimentando i collegamenti tra causa ed effetto. Ma attraverso quali giochi possiamo aiutarlo a sviluppare queste relazioni?

Un’idea interessante, ci dice l’educatrice Vanessa, è utilizzare dei peluche interattivi a cui il bimbo può affezionarsi, che reagiscono quando vengono toccati: per esempio se il bambino tocca il piede del peluche, il giocattolo gli dice: “Questo è un piede”. In questo modo il bimbo riceve subito una risposta alla sua azione, quindi è indotto ad imparare e ripetere.

Ecco poi il parere della nostra pedagogista, la dottoressa Olmi, su questo tema.

Continua

L come Linguaggio – con Rachele Macchi Cassia, pedagogista

Come aiutare i nostri figli a crescere con un linguaggio corretto e ricco? A questa domanda ci aiuta a rispondere la Dott.ssa Macchi Cassia, pedagogista, che ci ricorda un fatto semplice ma sorprendente: i bimbi nascono già parlando con qualcuno! Dobbiamo dunque tenere presente che abbiamo a che fare con un essere umano che, pur piccolissimo, ha già molte competenze e molteplici capacità di interagire con l’esterno: ci avevate mai pensato, mamme e papà? E poi l’esperta ci consiglia sul modo in cui dobbiamo parlare al piccolo e su questo fronte c’è una sorpresa…

Continua