B come Baby sitter – Con Francesca Santarelli, psicologa

Le mamme si trovano spesso di fronte ad una scelta obbligata, soprattutto se la loro famiglia d’origine abita molto lontano da loro: devono affidarsi ad un sostegno, un aiuto per il loro piccolo, insomma: una baby sitter. E la questione non è affatto semplice! Quale sarà la persona giusta? E come impostare al meglio il rapporto con lei o lui? L’abbiamo chiesto alla Dott.ssa Francesca Santarelli, psicologa e psicoterapeuta, che ci ha chiarito molto bene le basi per questo rapporto così delicato: prima di tutto, via i sensi di colpa! E poi…

Lasciare il proprio bimbo nelle mani di una figura che non sia un parente o un famigliare è sempre una scelta molto difficile per le mamme, carica di ansie, paura e anche sensi di colpa. Mettere da parte i sensi di colpa è il primo passo che dobbiamo fare per scegliere una baby sitter, perché altrimenti rischiamo di vivere questa figura come una rivale, ed entriamo in competizione e in gelosia con lei. In realtà una baby sitter deve far parte della cerchia della nostra vita e deve essere vissuta come un’alleata, un’alleata nell’educazione e nella gestione del nostro piccolo.

Come scegliere una baby sitter?
Innanzitutto deve essere una persona di cui noi ci fidiamo a pelle, con cui non ci sentiamo di entrare in competizione o entrare in uno stato di gelosia. E, oltre i requisiti fondamentali, dobbiamo trasmettere al bambino la serenità che abbiamo scelto la persona giusta per lui.

Molto importante, così come si fa con la scuola materna o l’asilo nido, è l’inserimento: cioè questa persona deve essere presentata, deve familiarizzare con la mamma con il bambino e con la casa e gradualmente essere lasciata con il bambino partendo da un’ora, un’ora e mezza o pian pianino, la mamma può andare e tornare prima di lasciare il bimbo tutta la giornata o comunque molte più ore con lei. E ricordate, prima di lasciare il vostro bimbo con la baby sitter, di non usare sotterfugi o di non andar via di nascosto, ma spiegategli invece le ragioni del vostro allontanamento e che tornerete presto da lui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *