La mia prima pappa al ragù

Il ferro è uno dei nutrienti fondamentali che i bimbi devono assumere nei primi anni perché assicura un miglior sviluppo psico-motorio. La pediatra Scaglioni ci spiega che il periodo più a rischio per la carenza di ferro è quello tra i 6-18 mesi: è dunque in quel momento che va introdotto nell’alimentazione. Un alimento con poco ferro e troppe proteine è il latte vaccino, avvisa la Dott.ssa Scaglioni, che non dovremmo dare ai nostri figli prima dei 12 mesi. Ma il ferro non è tutto uguale: dove si trova quello più assimilabile? Il migliore si trova in carne e pesce, meno bene nei cereali e nella verdura. Forse non lo sapete, ma l’esperta ci rivela che l’aggiunta di Vitamina C può migliorarne l’assorbimento: un consiglio da segnare!

Continua

Pastina al pomodoro e manzo

Ed eccoci con una ricetta assolutamente classica. Tra i nutrienti fondamentali per i bimbi c’è il ferro. Come si fa a sapere quanto ferro sta assumendo il nostro bimbo? E perché è così importante?

La pediatra Silvia Scaglioni ci spiega che il ferro consente migliori indici di sviluppo: fra i 6 e i 18 mesi è importante che non ci siano carenze di ferro perché nel nostro bimbo si sta formando rapidamente il sistema nervoso centrale e quindi il cervello. Per ridurre il rischio di carenze, l’indicazione della pediatra è proseguire, quando è possibile, nell’allattamento con il latte materno dopo il 6 mesi. In caso non si possa, meglio usare il latte di proseguimento. Introdurre con lo svezzamento alimenti ricchi di ferro come carne e pesce, evitare il thè che riduce l’assorbimento del ferro e dopo l’anno continuare ad allattare oppure usare il latte di crescita poiché il latte vaccino è carente di ferro. Quindi a questo punto con Chiara Maci, la nostra esperta di cucina, illustriamo una ricetta che potrete usare per ovviare a questo problema, visto che contiene carne.

Continua